Diventa il Presidente della tua “Azienda di Servizi Personali”

Per dirla come la dice Brian Tracy nei suoi seminari:  Da ora in avanti considerati  il presidente della tua “società di servizi personali”. Possiedi il 100% del pacchetto azionario ed é tua e tua soltanto la responsabilità  di ogni decisione e/o azione che intraprenderai. Tua la scelta tua la decisione. In cima alla piramide ci se tu e nessun altro potrà prendere decisioni al tuo posto. Se tu ti fermi, tutto si ferma. Se tu avanzi, tutto avanza con te.

Chiaro? mi domanda Cloud. Sei d’accordo?

Li per li mi sono sentito un po confuso ed impaurito da quelle affermazioni ma poi…dopo averci pensato  un po, non potei fare altro che dichiarare, quasi urlare, il mio più assoluto essere d’accordo.

In quel mentre mi tornavano in mente le sensazioni che provai al funerale di Pa’. Mentre trasportavo il feretro insieme ai miei fratelli, ricordo , che sentii chiaramente una voce che mi diceva: “adesso tocca a te. Sei tu in prima linea. Non c’é più nessuno a cui rendere conto. Ora sei tu il capo di te stesso”.

Quelle parole mi colpirono molto perché era un aspetto a cui non avevo mai pensato. Prima c’era sempre stato il “capo” a cui rendere conto. Nonostante fossimo tutti adulti e maggiorenni, comunque, sapevamo che sopra di noi c’era il capo, c’era PA’.

Giusto una piccola annotazione. Che lui fosse il capo e unico e vero collante della famiglia, lo dimostra il fatto che dopo la sua morte la nostra famiglia si é frantumata. Si é sfaldata.

Ma torniamo a noi.

Si! Ero d’accordo sul fatto di assumermi tutta la responsabilità delle mie azioni, di prendere il comando della mia “Azienda”.

Cloud allora continuò: In generale tu guadagni oggi  esattamente  quanto avevi deciso di guadagnare né più né meno.

Dai Cloud, lo interruppi, come fai a dire queste cose. Non é vero che guadagno quello che ho deciso di guadagnare. Io guadagno quello che gli altri hanno deciso di darmi.

No Alex, se ci pensi bene, fosti tu a DECIDERE di ACCETTARE il compenso attuale. Nessuno ti mise una pistola alla tempia. Potevi tranquillamente rifiutare oppure trattare. Ma tu accettasti il tuo attuale compenso perché in qualche maniera corrispondeva a quello che tu pensavi fosse il giusto compenso per il tuo “VALORE”. Valore che tu stesso ti attribuivi all’epoca.

Ma Cloud, domandai IO, se é vero che sono stato IO a stabilire il mio valore perché oggi non sono soddisfatto.

Caro Alex,é semplice, disse Cloud, perché tu oggi SEI DI PIU’ e quello che guadagni non corrisponde più al tuo valore attuale

E quindi? feci IO.

E quindi in qualità di presidente della tua “azienda di servizi personali” devi prendere la decisione di scendere in campo e darti da fare affinché le tue entrate si adeguino al tuo reale valore oppure di accontentarti. Non c’é altro da fare. Conclude Cloud.

Si! Come se fosse facile!

Ascolta Alex, riprese cloud, nulla di tutto ciò che hai fatto fino ad ora é stato facile quindi neanche questa volta sarà una passeggiata ma credimi, non é affatto impossibile e la tua ricompensa sarà degna dei tuoi sforzi. Anzi, sarà oltre ogni tua più rosea aspettativa.

Sei il presidente della tua azienda. Inventati la tua strategia, prendi le decisioni del caso e persevera nel tuo impegno.

L’unica cosa che devi fare é PRENDERE LA DECISIONE DI NON ACCONTENTARTI PIU’. Una volta presa la fatidica decisione vedrai che il resto sarà solo questione di tecnica.

Prima di tutto devi avere ben chiaro il tuo obiettivo e trasformarlo da semplice sogno in desiderio e quindi in obiettivo focalizzato. Poi dovrai stabilire la strategia tenendo ben presente la TIMELINE in cui la tua avventura si dovrà sviluppare infine  dovrai pianificare tutta una serie di piccole mete intermedie che scandiranno il tuo progredire…ma di tutto questo ne parleremo più avanti.

Adesso é necessario, NO anzi, é imperativo che tu prenda la tua DECISIONE.

Tratto da What about You by A.R.

Seguimi su